Actor · Obsessions

Obsessions #1: Sam Claflin

Buona domenica, lettori!
Come state? Avete accettato la fine del periodo natalizio? Io no LOL, ma ne ero già consapevole in precedenza. Probabilmente mi rassegnerò al tempo del mio compleanno – ovvero il 3 Febbraio, ma poco meno di un mese-.
Dunque, come promesso, oggi non parlerò di libri, ma di altro. Questa volta ho scelto di iniziare un percorso molto personale, un po’ sulla stregua della Character Session. Difatti vi presenterò una “serie” di mie ossessioni. Persone per cui ho una evidente, palese, incurabile cotta, attori, cantanti, artisti che stimo, o meglio, con cui sono fissata da sempre, da molto, da troppo -LOL-.
Non vi stresserò eccessivamente l’esistenza con la biografia, metterò semplicemente il link alla Santa Wikipedia, più che altro tenterò di spiegarvi il perché della mia fissa, cercando di essere obiettiva il più possibile, ovviamente nei limiti, dal momento che, toccando il personale, non sempre è facile e giusto esserlo.
Ho deciso di partire da un attore giovane che mi piace da qualche anno, benché la crush sia stata alimentata nuovamente di recente: Sam Claflin.
Samuel George Claflin, nato il 27 Giugno 1986 ad Ipswich – Santo Suffolck-, ha 28 anni e purtroppo è già sposato. Ho confessato subito il problema, per togliermi il peso principale. Scusami, Laura, non posso farci nulla. Ho capito che era il principe dei sogni solo con “Love, Rosie“. Non che prima non ci fossero i segnali, sia ben chiaro, ma questo film lo ha ulteriormente confermato.
Parto dall’inizio, da quando si è palesato nel mio mondo, in “Pirati dei Caraibi – Al confine del mondo“: lì era un pretuccio che poteva passare inosservato, ma NO. Scommetto anche che qualcuno non avrà collegato che fosse lui. E invece… Cioè, lo ammetto, io ci sono arrivata più tardi. Mi spiego: ammetto che quando è apparso in “The Hunger Games – La ragazza di fuoco” non ho pensato subito a chiedermi chi fosse, cioè più che altro sapevo benissimo il suo nome, ma non ho fatto in tempo a pormi la domanda perché sono rimasta devastata dal suo… tutto. – Ma un zuccherino da lui lo volete? Io anche due o tre o quattro o mille o… basta.
Dopo essermi asciugata la bava doverosa, ed avere inghiottito la saliva in eccesso, sono riuscita a valutare con cognizione di causa la sua interpretazione ed ho concluso che porca miseria se era perfettamente Finnick. Il sorrisetto, le fossette, la sfacciataggine. Insomma, il mio personaggio preferito della saga aveva ottenuto giustizia con lui.
Dopo tutto ciò sono andata a farmi un giro su Google ed ho cercato informazioni su di lui. Per Giove, ma è il reverendino tanto carino di POTC 4! Già lo avevo apprezzato, nonostante l’imponente occupazione del mio cuore da parte del caro Johnny Depp – prima o poi vi parlerò anche di lui... – , però con Finnick ha vinto tutto.
Cercando di essere imparziale e provando a non far penetrare nulla di strettamente ed evidentemente personale, io vi consiglio con tutto il cuore di darvi uno sguardo alla sua filmografia – evitando “Biancaneve ed il cacciatore“, perché appare veramente poco.. Ok, magari non escludetelo a priori, ma lasciatelo in fondo alla lista-, perchè al di là della sua bellezza, sono fermamente convinta che sia uno degli attuali talenti giovani più versatili nel panorama cinematografico. Può essere l’uomo dei sogni – in “Love, Rosie” vi assicuro che mi è partita una OTP extra cosmica con Lily Collins. (per gli “inesperti”, OTP = One True Pairing, la coppia preferita, la migliore per ogni fandom) – come impersona nel modo più realistico possibile il bastardo per eccellenza – in “Posh” vi giuro che mi ha fatto venire i brividi; il film non è un granché, ma lui è eccezionale e vale la pena vederlo anche solo per lui, oltre che, femminilmente (?) parlando, per la quantità di esemplari di sesso maschile di una certa qual levatura, soprattutto in lingua originale, con il suo meraviglioso accento british che per Giove smuove i muri.- .
Da lettrice accanita ho urlato quando ho appreso che avrebbe interpretato il ruolo principale nell’adattamento cinematografico di “Me before you” e sto bramando che arrivi almeno foto dal set il più presto possibile – iniziate presto a girare! – perché so per certo che l’attesa per il film sarà logorante.
Con la consapevolezza che devo assolutamente recuperare i film tv della BBC di cui è stato protagonista – perdonate la difficoltà con cui mi approccio alla visione, ma uno di essi è “I pilastri della Terra” e ci vuole fegato… – vi lascio con alcune foto di questa meraviglia di uomo e con un link alla sua bio, se volete documentarvi maggiormente (HERE) – sì, in inglese, è più dettagliata-, augurandomi che anche voi siate conquistati dalle magiche fossette britanniche e dai capelli perfetti di Samuel George.

              

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...